Il deposito legale regionale in Italia: stato dell’arte e risultati di una recente indagine

Autori

  • Commissione nazionale AIB Biblioteche e servizi nazionali Associazione italiana biblioteche, Commissione nazionale biblioteche e servizi nazionali

DOI:

https://doi.org/10.2426/aibstudi-12019

Parole chiave:

regional legal deposit, legal depository libraries, Italian regional publishing archive

Abstract

L’articolo espone i risultati dell’indagine condotta dalla Commissione nazionale biblioteche e servizi nazionali dell’AIB sul deposito legale regionale fra ottobre e novembre 2019, a quindici anni dall’ultima ricerca sul campo che aveva per oggetto la stessa tematica. Il deposito legale regionale, istituito con la l. 106/2004 e regolato dal d.p.r. 252/2006 e da due decreti ministeriali del 2007 e del 2009, prevede che ogni editore invii un certo numero di copie delle proprie pubblicazioni a determinate biblioteche della Regione in cui le case editrici hanno sede, al fine di creare un archivio regionale della produzione editoriale italiana. Esso costituisce uno degli aspetti più innovativi ma anche più critici e meno conosciuti nell’ambito della normativa sul deposito legale. Nella prima fase dell’indagine si è deciso di effettuare un’analisi delle informazioni rilasciate dalle stesse biblioteche che consentisse di fotografare la realtà delle biblioteche depositarie regionali sul territorio italiano, parzialmente mutata rispetto al 2009. La seconda fase dell’indagine è consistita nella somministrazione di un questionario online rivolto alle biblioteche depositarie, articolato in nove domande – ciascuna delle quali prevedeva tre risposte chiuse e la possibilità di commentare. L’indagine, che ha ottenuto un confortante dato di partecipazione (62%), ha mostrato una situazione non troppo diversa dal passato, evidenziando soprattutto i problemi della mancanza di spazi, della carenza di personale, di risorse e la dipendenza dalle politiche locali. Alcune risposte al questionario sono però incoraggianti: le pubblicazioni arrivano con una certa regolarità, il deposito legale regionale è percepito come un obbligo che comporta anche aspetti positivi e vengono operate verifiche sul suo adempimento. Emerge l’importanza di approntare un database unificato degli editori, che potrebbe agevolare la gestione del deposito legale e costituire un punto di partenza per sinergie future.

Downloads

I dati di download non sono ancora disponibili.

Downloads

Pubblicato

27.04.2020

Come citare

AIB Biblioteche e servizi nazionali, C. nazionale. (2020). Il deposito legale regionale in Italia: stato dell’arte e risultati di una recente indagine. AIB Studi, 59(3). https://doi.org/10.2426/aibstudi-12019

Fascicolo

Sezione

Temi e analisi